Alexandra Stradella

Alexandra Stradella inizia lo studio del pianoforte all’età di cinque anni, proseguendo al Conservatorio “L. Marenzio” di Brescia con Giampaolo Stuani. Successivamente, si diploma a pieni voti al “Dall’Abaco” di Verona con Adriano Ambrosini con il quale sta completando gli studi di Biennio Solistico. In parallelo, frequenta i Corsi di Perfezionamento presso l’Accademia di Pinerolo in qualità di allieva di Pietro de Maria ed Enrico Stellini. Coltiva anche l’interesse per la Musica da Camera, studiando con Marianna Bisacchi.

Si esibisce regolarmente sia come solista che camerista in diverse formazione (Salone Barbarella di Castelfranco V.to, Accademia dei Concordi di Rovigo, Accademia Tadini di Lovere, Sala Maffeiana in Accademia Filarmonica per gli Amici della Musica, VIII Rassegna Internazionale Giovani Pianisti Concertisti per Steinway and Sons Italia, per Fondazione Cariverona, Università degli Studi di Verona, Livorno Auditorium “C. Chiti”, Pinerolo Sala “P. Cerutti” Bresso Rassegna Start*up, AMO Museo dell’Opera, Festival del NED Ensemble, Umbria Classica).Ha collaborato con Verona Opera Academy per la messa in scena de Le Belle Addormentate tenutosi al Teatro Ristori di Verona, esibendosi con il NED Ensemble diretto da Andrea Mannucci e con lo Zabadòs Ensemble diretto da Andrea Battistoni. E’ pianista del Versatile Ensemble (flauto e piano trio jazz) che esegue musiche del Novecento influenzate da ritmi popolari e jazz. Nel 2013 viene selezionata per prendere parte al progetto interdisciplinare europeo IICS a Cork in Irlanda.

Vincitrice di premi in concorsi pianistici (Città Piove di Sacco, Piano Talents Milano, Festival di Bellagio), ha seguito masterclass tenute da Aaron Shorr, Lauri Vaimaa, Riccardo Zadra e Federica Righini, Vincenzo Balzani, Philippe Raskin, Yoshifumi Morita. Nel maggio 2015 debutta al Teatro Filarmonico di Verona nell’ambito della Stagione Sinfonica 2014-2015 con l’Orchestra dell’Arena di Verona diretta da Victor Hugo Toro eseguendo il Concerto no.2 in Fa maggiore di D. Shostakovich, nel Concerto dedicato ai Giovani Solisti del Conservatorio. Ha insegnato Pianoforte presso la Fondazione “Ezia Tobanelli” di Padenghe del Garda.

Like this post11
Go top